Portami a Pranzo nella tua città - tra Avola e Pachino (Siracusa)



Sono tornata a mangiare in Sicilia, questa volta in provincia di Siracusa e mi sono lasciata guidare da Gabriella alla scoperta dei sapori locali. 

 

Siamo partiti da Avola, un paese la cui notorietà in campo eno-gastronomico è oggettivamente riconosciuta in tutto il paese, anche se limitarsi a ricordarla solo per il vino e le mandorle non è del tutto corretto.

Abbiamo iniziato con una degustazione presso la rivendita della cantina Vini Assennato, un’azienda a carattere familiare che è attiva sin dalla fine del 1700 e vanta ben 10 ettari di terreno posti nella tenuta aziendale di contrada Bonivini.

 

Le tipologie di vino proposte da questa azienda sono 4:
  • Liberty : Un nero d’Avola dal sapore intenso e dal colore rosso acceso.  
  • Terre Sole”: Un rosato dal sapore delicato.
  • Insolia” : Un bianco dal profumo intenso e fruttato. 
  • Mandolinero”: Un vino dolce liquoroso, che è il risultato del giusto incontro tra il nero d’Avola e l’aroma alle mandole, qualcosa indubbiamente da provare.


 
La stessa azienda si occupa, anche se in misura nettamente minore, anche della produzione di olio. 
 

Abbiamo continuato con un pranzo alla rosticceria Mille Voglie, sempre ad Avola. Questo piccolo take away, che originariamente era una macelleria, è stato recentemente ristrutturato e si presenta in una veste molto moderna.
 

Durante la mattinata fino all’orario di pranzo si propone come gastronomia, dove è possibile trovare sia piatti della tradizione locale, che piatti più classici: Pasta al Forno, Scaccia e la “Muddiada” un tipica pizza avolese a base di pomodoro e origano, sono solo alcune tra le possibili opzioni, mentre per la sera si trasforma in una vera rosticceria, dove la selezione e la lavorazione delle carni, risulta particolarmente curata, ovviamente influenzata del suo passato da macelleria.

 

Abbiamo concluso il nostro pranzo a Pachino, un piccolo paese poco distante da Avola, dove ad aspettarci c’era la "Pasticceria dei F.lli Dugo".
 

I Dugo sono due fratelli che non hanno ereditato questa professionalità dalla famiglia, ma hanno studiato e lavorato partendo praticamente da zero, ma che oggi possono assolutamente ritenersi soddisfatti dei risultati raggiunti. Vanno particolarmente fieri delle loro Ciambelline alla Ricotta, un dolce di cui loro costituiscono gelosamente la ricetta originale, ma non è assolutamente da sottovalutare la loro variante di Babà Analcolico.
entrambi siamo astemi e volevamo proporre anche noi la nostra versione di uno dei dolci più famosi in Italia, abbiamo così deciso di sostituire il caffè al rhum”.
Un altro loro prodotto degno di nota sono le Granite, per le quali viene selezionata rigorosamente solo  frutta fresca e di stagione e per le quali la lavorazione è curata nei minimi dettagli, perché ricordatevi la granita non è solo ghiaccio.




Ringrazio tutti per la grande ospitalità. 
Ovviamente un ringraziamento particolare lo rivolgo a Gabriella per la disponibilità
e ai miei due fantastici fotografi (cliccate sul nome per aprire il link al loro sito)

 

anna_maria_fabbri