LO ZUCCOTTO



Qualche giorno fa sul mio blog per la #rubrica #ticonsigliounmenù vi ho portato a #Firenze, ma in finale, tra i #dolci, mi sono dimenticata (e chiedo umilmente scusa) di nominarvi lo #Zuccotto (qui lo trovate in versione monoporzione) Questo tipico #dolce #fiorentino, le cui origini risalgono ad un'invenzione di Bernardo Buontalenti, uno dei massimi artisti ed intellettuali della seconda metà del XVI secolo, in principio si chiamava l’Elmo di Caterina proprio perché si pensava che originariamente fosse stato fatto all’interno di un elmo in uso alla fanteria in quel periodo: lo zuccotto. (Ciò spiegherebbe anche il nome attuale). La ricetta originaria prevedeva l'utilizzo di ricotta, granelli di cacao e scorza di agrumi per la farcitura interna alla quale veniva conferito un aspetto prevalente monocromatico bianco, mentre il rivestimento esterno si caratterizzava per l'aromatizzazione con l'alchermes che gli conferiva un colore rosso molto acceso.
Un post condiviso da Admin: @lannatuttoattaccato (@to_the_roots) in data:

anna_maria_fabbri