Cosa Mangiare a VITERBO.

Il ti consiglio un MENù di oggi vi porta a Viterbo nella zona della Tuscia, una zona che vanta origini Etrusche.


Questa è la prima uscita dove To The Roots si fa guidare alla ricerca delle bellezze artistiche-monumentali dagli amici di  GetCOO.


Cucina Tuscia - Cucina Etrusca

Questa zona è famosa per:

l' Olio e le grandi distese di ulivi che invadono il paesaggio ne sono la testimonianza. 


le Nocciole dei Cimini e direi che la Nellina è la prova concreta di come vengano utilizzate in modo intelligente

 

le Castagne, purtroppo quando siamo stata a Viterbo non era periodo, ma ci hanno assicurato che esiste una Zuppa di Ceci e Castagne che vale la pena di provare e quindi sarà la buona scusa per tornare in tempo di castagne.

Ma partiamo e andiamo per gradi.

Per la COLAZIONE vi consiglierei di comprarvi una Nellina, già sopra menzionata e di assaggiarla così molto al naturale, "inzuppandole" un dito dentro come ci è stato consigliato anche a noi, il tutto cercando di non finirla, crea seria dipendenza. Passeggiando ho trovato anche la versione con Miele e Nocciole, la "Cimina".

 

Per il PRANZO vi consiglio di non farvi travolgere dagli Antipasti, ci sono davvero troppe tipologie di primi che meritano di essere assaggiati, per cui una volta che avete assaggiata la Sutria e il loro Pecorino, che poi scoprirete mettono ovunque, anche sulle patate, fermatevi.



Passate così ai Primi Piatti.

Potete scegliere tra la famosa Acqua Cotta, una zuppa tutta maremmana
 

i Lombricelli una tipologia di pasta abbastanza comune non solo a Viterbo che viene accompagnata con vari condimenti,
 
gli Gnocchi al Ferro, ma io mi sento di spendere tempo a parole per il Fieno, un taglio sottilissimo di pasta all'uovo che pur essendo così sottile riesce a tener la giusta consistenza e non attaccarsi. Anastasia, la ragazza che ci ha portato a cena nella sua città, ci ha spiegato che una volta scolati vengono subito appoggiati in un canovaccio e "asciugati", prima di essere conditi. Sono conosciuti anche con il nome di Maccaroni di Canepina. Rinnovo i miei complimenti alla Baita la Faggetta dove ne ho mangiato una versione ai funghi squisita.

 

Per i Secondi Piatti si passa alla Pignataccia, che è uno stufato di carne di bovino e ad una Zuppa di Agnello, anche chiamata Giubbia e Calzoni.

Per quanto riguarda i Dolci abbiamo più varietà di biscotti secchi, si va dai classici Tozzetti, biscotti con le nocciole di zona, alle ciambelline all'anice, fino ad arrivare soprattutto nel periodo di carnevale alle castagnole alla sambuca e ai ravioli con ripieno di ricotta.



Come non finire il pasto con un bicchiere del famoso Vino Dolce Aleatico di Gradoni, e come non "tocciarci" dentro i Tozzetti.



Ringrazio l'Osteria del Vecchio Orologio in centro a Viterbo, per il pranzo e la disponibilità

 

 
Grazie mille Emanuela e Stefano.


Dopo un buon pranzo vi troverete sicuramente pronti per affrontare una giornata tra le meraviglie che vi offre Viterbo.
Lasciatevi quindi guidare da GetCOO alla scoperta della città.
Clicca qui per "Cosa vedere e cosa mangiare in un giorno"

ovviamente
Raccomandato da To The Roots!

anna_maria_fabbri