Portami a Pranzo nella Tua Città - TARANTO


Decidi di far un weekend alternativo e parti con altre due matte come te di Venerdì pomeriggio per una gita con destinazione Taranto.

 

Nel ritorno la domenica credi non sia possibile aver fatto così tante cose, aver conosciuto così tante persone, aver assaggiato così tante prelibatezze in solo un giorno e mezzo.

Realizzi così di aver fatto la pazzia più sensata che potevi fare.

Torni a casa distrutta, ma felice e nel tornare a casa, uno dei tuoi "cugini" acquisitivi durante il viaggio, ti manda un messaggio con allegato una mini canzone scritta sulla giornata trascorsa assieme.

Gianpiero il testo è semplicemente stupendo!

Inizia la mattina taralli nella borsa
 
la strada senza asfalto alla destra del mio mar
cugini diventiamo "compatti per favore!"
 
neanche un ascensore 
di scale se ce n'è

Tra storia, ridarella
con i turchi alla finestra
mi guardo attorno e noto di spartani non ne trovo
 

Si è fatto mezzogiorno e il languorino sale
c'ho un buco nello stomaco
e uno spagnolo che mi appare
"lo tappo io" mi ha detto "quel buco prediletto, c'ho già tappato il tetto con quel gatto maledetto" 

Ok, capisco che per chi non c'era è difficile capirla, ma davvero è il succo della giornata, una giornata iniziata mangiando taralli, continuata con una visita al Castello Aragonese, che un tempo è stato occupato dagli spagnoli che nella loro permanenza hanno chiuso tutti i passaggi sotterranei dei loro antenati aragonesi, dove si è trovato un gatto murato vivo, in una città che ha origini spartane e che spesso è stata attaccata dai turchi "mamma li turchi!"e ovviamente in una giornata finita mangiando tutti assieme.


Grazie alle zie, a tutti i cugini, al babbo, alla mamma, a LU NONNU..... Grazie TARANTO!

 

 


Ci rivediamo in Estate!

 

anna_maria_fabbri