LE PAPPARDELLE ALLA LEPRE.

Abbiamo già parlato delle Tagliatelle e dei suo “parenti” Tagliolini, a questo punto è diventato impossibile saltare l’appuntamento con un bel piatto di Pappardelle.

Se spostandoci dalla Romagna verso nord le Tagliatelle diventano più sottili prendendo il nome di Tagliolini, quando ci dirigiamo, anche di poco, verso sud le Tagliatelle aumento la loro larghezza diventando Pappardelle.

Questo formato di pasta all'uovo è tipico e tutto di origine toscano e la conferma verrebbe proprio dal suo nome, infatti pappardella sembrerebbe derivi dal verbo “pappare”, che in dialetto toscano starebbe a significare mangiare con gioia e piacere, un gesto tipico dei bambini.

Famose e diffuse in tutta la regione ed anche fuori, condite e proposte con diverse tipologie di sughi, come quello al cinghiale o ai funghi, trovano la loro accoppiata vincente nel sugo alla lepre, un tipico condimento aretino.

Il sugo alla lepre che risulta più forte in termini sia di sapori che di consistenza, rapportato ad un semplice ragù, è il fedele compagno delle Pappardelle in Toscana, dove sono un simbolo, una certezza, una garanzia.

Forse mi sbaglierò, ma molto probabilmente le Pappardelle alla Lepre per i Toscani, stanno alle Tagliatelle al Ragù per noi emiliano-romagnoli.

anna_maria_fabbri