I VINI DI MONTALCINO.


Difficile nominare Montalcino senza pensare al vino. Siamo in provincia di Siena e in questo paese della Toscana vengono prodotte più tipologie di vino e tutte rigorosamente a marchio riconosciuto.

Brunello, Rosso e Moscadello, tre vini che finiscono con la stessa indicazione: di Montalcino, una provenienza che gli attribuisce anche una garanzia.

Il Brunello di Montalcino:
D.O.C.G - Denominazione di Origine Controllata e Garantita.
E' un vino rosso a base di uve Sangiovese, di colore intenso come altrettanto intenso ne è il suo odore. Il suo sapore robusto regge bene l'accompagnamento di piatti a base di carni rosse e selvaggina, formaggi stagionati e funghi.
Sopporta lunghi invecchiamenti, si va da un minimo di 10 anni fino ad arrivare a i 30 anni, ma può essere conservato anche ulteriormente. Per le bottiglie molto invecchiate è consigliabile la decantazione in caraffa per farlo ossigenare.

Rosso di Montalcino:
D.O.C. - Denominazione di Origine Controllata.
E' il fratello giovane del Brunello, infatti non è da conservare per lunghi periodi, anche sa resistere bene all'invecchiamento.
E' un altro vino rosso a base di uve Sangiovese, si differenzia dal Brunello per il suo sapore meno robusto e più fresco.
Si accompagna bene con primi di pasta a base di sugo di carne, di pollame, funghi e risotti e a secondi piatti a base di carni di maiale o vitello.

Moscadello di Montalcino:
D.O.C. - Denominazione di Origine Controllata.
E' un vino bianco a base di uve di Moscato, delicato, fresco e dolce. E' un vino da dessert che si accompagna piacevolmente a dolci secchi e in generale ai prodotti di pasticceria.
Realizzato dalla lavorazione di una tipologia di uva coltivata fin da tempi lontani a Montalcino, lo si può trovare nelle tre versioni: Tranquillo, Frizzante e Vendemmia Tardiva.

anna_maria_fabbri