I VINCISGRASSI.


Non potevo non dedicare un articolo ai Vincisgrassi, soprattutto dopo averli cercati con tanta insistenza e soprattutto dopo che Patrizia, la proprietaria dell'agriturismo in cui siamo state a mangiali, ce li ha serviti accompagnati dalla loro storia.

Questo primo piatto tipico maceratese, può risultare a prima vista, molto simile alle Lasagne Bolognesi, ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze. La prima netta differenza si trova proprio nel taglio di carne utilizzata per la loro preparazione, se nelle Lasagne troviamo un "semplice" ragù, nei Vincisgrassi viene invece utilizzato un misto di tagli di carni sminuzzate e lavorate con il coltello. Questa lavorazione rende molto lunga la loro preparazione, motivo per la quale, pur trattandosi di un piatto tipico della zona, non è così scontato trovarlo tra le proposte del menù di ogni ristorante, almeno secondo la versione dataci da Patrizia.

Sempre la proprietaria, ci ha raccontato che la tradizione propone due diverse versioni relativamente alla storia di questo piatto. La prima sostiene che un cuoco maceratese li preparò in onore del generale austriaco Alfred von Windisch-Graetz, che aveva combattuto contro Napoleone nell'assedio di Ancona del 1799. Mentre una versione antecedente, dimostra che il piatto fosse già presente nella cucina maceratese e inserito nel libro di cucina "Il cuoco maceratese" di Antonio Nebbia, uno stimato e gran cuoco di corte dell'epoca, che proprio in questo suo libro proponeva una ricetta chiamata "Salsa per il Princisgras".

Vero rimane che la versione del cuoco Nebbia, si discosta molto dall'attuale versione di questo piatto, che come ogni piatto popolare ha sicuramente subito nel tempo modifiche e personalizzazioni.

Ricetta dei Vincisgrassi.

anna_maria_fabbri