LA GALLINA PADOVANA.


La Gallina Padovana è una razza molto antica di pollame, riconosciuta anche presidio Slow Food.

Secondo la tradizione è stata importata dalla Polonia, ma è stata anche ufficialmente riconosciuta di origine italiana.

Si differenzia dalle altre galline, esteticamente parlando, per il suo grande ciuffo e per la folta barba sotto il becco.

Tende a produrre uova di media grandezza e la sua carne è simile a quella della faraona e del fagiano. Viene utilizzata per la preparazione di diversi piatti tipici, ma forse uno tra i più famosi rimane la "Gallina Padovana in Canevera". Nella preparazione di questo piatto, la gallina viene riempita e fatta bollire in un sacchetto, che un tempo era la vescica del maiale. La Canevera, invece, è una piccola canna di bambù che permette al liquido di cottura di evaporare parzialmente.

Qualche anno fa, è nata anche un'associazione, la "Pro Avibus Nostris", formata da 8 allevatori, che seguendo una disciplinare ben precisa, si impegnano ad allevare le galline tramite un pascolo all'aperto e l'utilizzo di un'alimentazione naturale. Per questo progetto, esistono anche 2 macellerie convenzionate.

La ricetta della Gallina Padovana in Canevera.


anna_maria_fabbri