IL PROSCIUTTO DI PARMA.


Direi che è abbastanza impossibile parlare di Parma, senza parlare del suo prosciutto. Il prosciutto di Parma, è un alimento famoso in tutto il Mondo ed è un prodotto riconosciuto con il marchio Dop. La sua intera lavorazione avviene in una area ben definita della provincia di Parma, un luogo importante caratterizzato dalle giuste condizioni climatiche per la sua asciugatura e stagionatura, mentre la carne utilizzata, può arrivare da allevamenti dislocati in diverse zone, dall'Emilia Romagna al Veneto, dalla Lombardia alla Toscana.

Nel 1963 è nato anche un Consorzio che tutela il prodotto e si occupa di valorizzarne nel Mondo la sua qualità. Il consorzio è impegnato nel garantire che vengano rispettate le regole produttive previste da un determinata disciplinare, proteggendo così il nome "Prosciutto di Parma" e il suo relativo marchio, la Corona Ducale. La Corona è un marchio impresso a fuoco solo nei prosciutti che a seguito di un attento processo di certificazione superano l'esame che ne attesti la regolarità del processo produttivo.

La disciplinare che ha imposto il Consorzio è rigida, regolamenta tutte le fasi delle lavorazioni e richiede una metodologia precisa nel rispetto della tradizione.

Il prodotto ha sempre una sua tracciabilità, infatti la Corona non è l'unico marchio utilizzato, l'allevatore si occupa fin dall'inizio di tatuare in modo indelebile i propri suini con il loro mese di nascita e dandogli un codice di identificazione.

L'unico conservante ammesso, è il sale, e anche in quantità minore rispetto ad altri prosciutti, proprio per questo motivo viene riconosciuto come un prosciutto crudo "dolce".


anna_maria_fabbri