OLIO, COLLINE DI ROMAGNA.




L'Olio denominato "Colline di Romagna", è un olio riconosciuto prodotto Dop, che nasce tra le zone di Rimini e Cesena.

Ovviamente per essere considerato Dop necessita il rispetto di alcuni obblighi relativamente alla fase di produzione, di trasformazione ed elaborazione, infatti è necessario che questi processi avvengano in una determinata zona geografica stabilita da una disciplinare ben precisa come impone la stessa denominazione.

Per poter essere considerato di origine protetta "Colline di Romagna", sono previsti anche dosaggi ben precisi in termini di percentuali relativi agli oliveti da utilizzare nella preparazione, per cui è necessario che sia presente il Correggiolo nella misura minima del 60%, e il Leccino in quella massima del 40%, è consentito anche l'utilizzo di altri oliveti locali, ma in una misura massima del 10%.

Il raccolto va dal mese di Ottobre a quello di Dicembre di ogni anno, le olive raccolte devono essere avviate alla lavorazione nel più breve tempo possibile e comunque entro due giorni dalla raccolta.

Le olive vengono defogliate e lavate in acqua potabile prima della loro lavorazione, qualsiasi altra tipologia di trattamento è vietata. Durante la trasformazione e l'estrazione dell'olio è vietato anche qualsiasi utilizzo di prodotti ad azione chimica e biochimica.

Questo olio deve risultare di coloro verde-giallo oro, di odore intenso con richiamo ad un odore di erba o foglie, e di un sapore tendente all'amaro.

E' consentito il commercio solo in contenitori chiusi ermeticamente, è vietato l'utilizzo di qualsiasi aggettivo aggiuntivo come, selezionato, tradizionale, superiore e altri aggettivi del genere, ed è vietato l'utilizzo di riferimenti geografici a sostegno della denominazione Dop come, indicazione di comuni o frazioni, il marchio Dop parla già da se, mentre il nome "Colline di Romagna" deve essere presente in modo evidente.

Infine, è obbligatorio indicare in etichetta l'annata di produzione della olive utilizzate.

 Informazioni acquisite dal sito di Arpo Emilia Romagna.

anna_maria_fabbri