CATTEDRALE DELLE FOGLIE E DELLE PIANTE CONTADINE.


ARPA, un'associazione attiva nella difesa delle biodiversità e nella tutela delle piante da frutto in via di estinzione, come per Ravenna, anche a Cesenatico ha voluto creare un'area, in questo caso all'interno dei "Giardini a Mare", piantando diverse tipologie di frutti antichi.


Lo spazio, nominato la "Cattedrale delle foglie e delle piante contadine", è un angolo di verde compreso tra il Grattacielo e la spiaggia, che oltre alla piante ospita un'istallazione di sette sculture in ferro, disegnate dal poeta Tonino Guerra, una persona che ha vissuto sempre riservando una particolare attenzione per terra. Le sette sculture che rappresentano sette tipologie di foglie: fico, olmo, olivo, quercia, foglia di fantasia, cerro e pawlonia son state disposte volutamente ad anfiteatro da Tonino, pensando che l'uomo trovandosi a guardarle da una determinata visuale si potesse fermare a riflettere sui grandi valori della natura.


Tonino Guerra diceva: 

"dobbiamo guardare avanti perché dopo una fase critica arriva sempre la primavera".

e inoltre sosteneva: 

"gli alberi della biodiversità sono opere d'arte create dagli agricoltori, dietro ogni albero coltivato c'è l'uomo con una sua storia..."

Arpa ha voluto dedicare proprio al poeta Guerra, scomparso nel marzo del 2012, questo orto, che tra le altre ospita piante come il il Fico Romagnolo, il Melograno Verde di Russi, il Melo di Righetta, il Pero Bucarino e l'Olivo di Diolo e che fa parte della "Rete dei giardini di piante antiche" collocate per tutta la regione.


anna_maria_fabbri